C'è tempo fino al 21
aprile per partecipare

Ex macello: in scadenza
il bando per gli spazi del Fab Lab

I locali ristrutturati al piano terra della palazzina 13 del complesso di via Sabbadini
ospiteranno un laboratorio di fabbricazione digitale fruibile da tutta la cittadinanza

fablabAncora pochi giorni per partecipare alla gara che assegnerà i locali ristrutturati dell’ex macello di via Sabbadini da adibire a Fab Lab, un laboratorio di fabbricazione digitale fruibile da tutta la cittadinanza. Scade infatti venerdì 21 aprile il bando pubblicato dall’amministrazione comunale per gli spazi da destinare in concessione per un periodo di tre anni al piano terra della palazzina 13 nel complesso di via Sabbadini.

La partecipazione alla gara è aperta a qualsiasi azienda individuale, società di persone, società di capitali, consorzio, cooperativa, associazione o soggetto del Terzo Settore in grado di rispondere ai requisiti indicati dall’avviso pubblico reperibile sul sito www.comune.udine.gov.it. Gli spazi che saranno assegnati si sviluppano su una superficie di circa 110 metri quadrati adibita a salone, a cui si aggiungono l’ingresso, servizi igienici e un vano tecnico. I locali sono dotati di impianti elettrici (potenza elettrica: 15 Kw), idrici, di condizionamento e antintrusione. È attualmente in corso l’attivazione del collegamento a internet dell’intera palazzina.

Gli spazi in oggetto, che avranno una capacità ricettiva massima di 15 persone, dovranno ospitare un Fab Lab dotato di apposite aree funzionali per il Traning Lab (uno spazio arredato per la gestione dell’accoglienza e dell’organizzazione di corsi, workshop, eventi pubblici), per l’Interactive Lab (con postazioni di lavoro per la progettazione 3D) e per il Digital Lab (area dedicata alla produzione di oggetti). I futuri gestori dovranno prevedere inoltre uno spazio – anche virtuale – per la condivisione di esperienze. In generale il Fab Lab dovrà essere concepito come una struttura di servizi e uno spazio operativo potenzialmente fruibile da tutti, in special modo dalla popolazione giovanile e scolastica.

Al gestore spetterà il compito di arredare e attrezzare i locali per l’avvio del Fab Lab, mentre dal punto di vista delle spese sarà tenuto solo a coprire la manutenzione ordinaria e a rimborsare le spese relative ai consumi di acqua, corrente elettrica e pulizie delle parti comuni. Resteranno a carico dell’amministrazione comunale il canone di collegamento alla rete internet, le spese di manutenzione straordinaria e le spese assicurative.

Diversi gli obiettivi che si pone l’amministrazione comunale con l’avvio di questo Fab Lab: realizzare uno spazio di incontro, condivisione e scambio di conoscenze nel settore delle tecnologie digitali per accrescere il patrimonio di competenze della popolazione locale, giovanile e non solo; promuovere la cultura del saper fare offrendo possibilità di agire e di sperimentare tecnologie di progettazione e produzione digitale e rendendo accessibili a tutti le tecnologie del digital manufacturing; integrare la formazione dei giovani fornendo a scuole, università e associazioni la possibilità di usufruire di uno spazio di innovazione, sviluppo di conoscenze e di condivisione di saperi; sviluppare l’inventiva, la creatività, l’imprenditorialità, lo scambio di conoscenze pratiche, le competenze di settore (informatico, meccanico, architettonico, artistico, sul design, ecc.) anche attraverso la contaminazione tra percorsi creativi, formativi e professionali differenti; sviluppare e sostenere una community locale di utenti, makers, innovatori, sperimentatori accomunati dall’interesse per l’informatica, la tecnologia, la progettazione in 3D, l’arte digitale e da un approccio secondo il quale la condivisione di saperi tra professionalità diverse può generare progetti di forte innovazione. Per informazioni contattare l’Agenzia Giovani (tel.: 0432-1272305) o consultare il sito www.comune.udine.gov.it.

 

#news