[:it]Del progetto fanno parte altri dieci enti europei[:fu]Dal progjet a fasin part altris dîs ents europeans

Efficienza energetica, Udine entra
nel pool di enti europei “Si-Star”Eficience energjetiche, Udin al jentre
intal grup di ents europeans “Si-Star”

[:it]Il gruppo di lavoro si candida a un finanziamento europeo di 3 milioni di euro
per iniziative di audit, riqualificazione, efficientamento energetico e bioedilizia[:fu]Il grup di lavôr si candide par un finanziament european di 3 milions di euros
par iniziativis di audit, di ricualificazion, di cressite de eficience energjetiche e di bioedilizie

Il Comune di Udine entra in “Si-Star”, un pool di enti europei finanziati dal Programma di cooperazione “Central Europe” dell’Unione Europea. L’amministrazione comunale, già impegnata in diverse iniziative di sostenibilità ambientale e risparmio energetico, ha deciso di aderire, su richiesta degli altri partner, al gruppo di lavoro transnazionale

Il Comun di Udin al jentre in “Si-Star”, un grup di ents europeans finanziâts dal Program di cooperazion “Central Europe” de Union Europeane. La aministrazion comunâl, za impegnade in diviersis iniziativis di sostignibilitât ambientâl e sparagn energjetic, e à decidût di aderî, su domande di chei altris partners, al grup di lavôr transnazionâl che propit in chescj dîs al presentarà une propueste progjetuâl par acedi a un finanziament european di 3 milions di euros. Il progjet “Si-Star: Sistemis transnazionâi di audit, ricualificazion, cressite de eficience energjetiche e bioedilizie” al cjape dentri in dut altris dîs sogjets. Di fat, intal circuit a jentrin  il Consorzi pal disvilup industriâl di Tumieç (da cjâf dal progjet), la associazion dai Comuns di Glemone, Dartigne, Magnan in Riviere, Trasaghis, Montenârs e Bordan, il Comun di Monfalcon, il Centri di ricercje di Tulmin, l’Istitût di inzegnarie civîl di Lubiane, il ministeri de Agriculture polac, il Centri di ecelence pes energjiis rinovabilis, la eficience energjetiche e l’ambient di Viene, la Agjenzie pal disvilup regjonâl de Moravie centrâl, la Cjamare di cumierç taliane pe Ongjarie e l’Istitût superiôr sui sistemis teritoriâi pe inovazion di Turin. 
Il Comun di Udin, che par lui al è previodût un budget di ativitât di 150 mil euros cuviert dal dut dal Fonts european di disvilup regjonâl, al jentre intal program cuntun progjet di certificazion dai edificis comunâi. “L’obietîf al è chel di individuâ, miorâ e ridusi formis alternativis di energjie dopradis intes struturis di proprietât comunâl – al sclarìs l’assessôr pe Cualitât de citât Lorenzo Croattini –. Cheste e je dome che une des azions a tiermin curt o medi metudis intal Plan energjetic comunâl”. Intal specific lis liniis gjenerâls di “Si-Star” a previodin diviersis azions: audit energjetic su edificis publics, formazion di tecnics internis, definizion di protocoi di intese, plans di azion e intervents pilote pe ricualificazion e pe cressite de eficience energjetiche, costituzion di une rêt transnazionâl pal scambi di esperiencis, azions di informazion, promozion e sensibilizazion. 
“La partecipazion a bants di finanziament europeans – al sotlinee il sindic di Udin Furio Honsell – e je une oportunitât par disvilupâ in mût integrât progjets di cooperazion internazionâl e scambiâsi buinis pratichis su varis temis tant che chei leâts ae energjie e al ambient”. Intai mês passâts il Comun di Udin al à aderît al “Pat dai Sindics”, chel che i disin acuardi “20-20-20” tra lis aministrazions locâls de Union Europeane par otignî dentri dal 2020 i obietîfs de Union Europeane di riduzion dai consums energjetics dal 20% e di incressite dal ûs des fonts rinovabilis dal 20% .

che proprio in questi giorni presenterà una proposta progettuale per accedere a un finanziamento europeo di 3 milioni di euro.Il progetto “Si-Star: Sistemi transnazionali di audit, riqualificazione, efficientamento energetico e bioedilizia” raccoglie complessivamente altri dieci soggetti. Nel circuito rientrano infatti il Consorzio per lo sviluppo industriale di Tolmezzo (capofila), l’associazione dei Comuni di Gemona, Artegna, Magnano in Riviera, Trasaghis, Montenars e Bordano, il Comune di Monfalcone, il Centro di ricerca di Tolmino, l’Istituto di ingegneria civile di Lubiana, il ministero dell’Agricoltura polacco, il Centro di eccellenza per le energie rinnovabili, l’efficienza energetica e l’ambiente di Vienna, l’Agenzia per lo sviluppo regionale della Moravia centrale, la Camera di commercio italiana per l’Ungheria e l’Istituto superiore sui sistemi territoriali per l’innovazione di Torino.

 Il Comune di Udine, per il quale è previsto un budget di attività per 150 mila euro interamente coperto dal Fondo europeo di sviluppo regionale, entra nel programma con un progetto di certificazione degli edifici comunali. “L’obiettivo è quello di individuare, migliorare e ridurre forme alternative di energia utilizzate nelle strutture di proprietà comunale – spiega l’assessore alla Qualità della città Lorenzo Croattini –. Questa è solo una delle azioni di breve-medio termine inserite nel Piano energetico comunale”. Nello specifico le linee generali di “Si-Star” prevedono diverse azioni: audit energetico su edifici pubblici, formazione di tecnici interni, definizione di protocolli d’intesa, piani d’azione e interventi pilota per la riqualificazione e l’efficientamento energetico, costituzione di una rete transnazionale per lo scambio di esperienze, azioni di informazione, promozione e sensibilizzazione.

 “La partecipazione a bandi di finanziamento europei – sottolinea il sindaco di Udine Furio Honsell – costituisce un’opportunità per sviluppare in modo integrato progetti di cooperazione internazionale e scambiarsi buone pratiche su vari temi come quelli legati all’energia e all’ambiente”. Nei mesi scorsi il Comune di Udine ha aderito al “Patto dei Sindaci”, il cosiddetto accordo “20-20-20” tra le amministrazioni locali dell’Unione Europea per raggiungere entro il 2020 gli obiettivi dell’Unione Europea di riduzione dei consumi energetici del 20% e di incremento dell’utilizzo delle fonti rinnovabili del 20% .