La XVIII edizione, dal 13 al 16 settembre, dedicata al formaggio

Dino Zoff testimonial
di Friuli Doc 2012

L’ex capitano della nazionale “Mundial” e allenatore, originario
di Mariano del Friuli, è il nuovo ambasciatore della kermesse

Nell’anno del trentesimo anniversario di una delle più grandi imprese dell’Italia calcistica, il “Mundial del 1982”, Friuli Doc non poteva che scegliere come testimonial colui che per primo alzò al cielo quella coppa nella notte madrilena dell’11 luglio 1982. Dopo Fabio Capello, protagonista lo scorso anno, la XVIII edizione della kermesse dei sapori made in Friuli Venezia Giulia sarà rappresentata dal friulano di Mariano Dino Zoff, indimenticabile capitano del gruppo che sotto la guida di un altro corregionale, Enzo Bearzot, conquistò i Mondiali di Spagna ’82. Lo stesso Zoff era destinato a comporre una straordinaria coppia d’assi insieme con un altro campione che a Udine e in Friuli ha lasciato un segno indelebile: Zico. Due fuoriclasse che insieme avrebbero dovuto inaugurare l’edizione di quest’anno della manifestazione. Purtroppo a causa di un impegno dell’ultimo minuto il campione brasiliano, attualmente commissario tecnico della nazionale dell’Iraq, non potrà rispondere alla chiamata.

Tema. Se fino ad ora la kermesse presentava, di edizione in edizione, una determinata area geografica ed enogastronomica della regione, d’ora in avanti Friuli Doc sarà dedicato a un diverso prodotto tipico per ciascuna edizione. Protagonista di quest’anno zero sarà il formaggio, una delle prelibatezze che maggiormente arricchiscono il panorama gastronomico regionale. Proprio ai prodotti caseari saranno dedicati convegni, degustazioni e incontri per approfondirne le peculiarità e le caratteristiche tipiche. Tra le novità di quest’anno, spiccano gli “show cooking” di Daniele Persegani, sei appuntamenti all’insegna della cucina condotti e proposti in corte Morpurgo dallo chef emiliano affiancato dalla conduttrice friulana doc Franca Rizzi. I due, noti volti televisivi del programma “Casa Alice” su Alice Tv, si cimenteranno, insieme con il pubblico, tra i fornelli di  Friuli Doc. Una vera e propria cucina, allestita grazie ad Electrolux, infatti, verrà montata nella suggestiva cornice della corte in via Savorgnana, sotto un’elegante struttura coperta che accoglierà il pubblico presente.

Come sempre sono numerosi i partner della manifestazione tra cui Regione, Provincia, Ersa, Università, Camera di commercio di Udine, Confartigianato Udine, Ssm, Saf, Amga, Trenitalia e Ferrovie Udine-Cividale. Alla presentazione della nuova edizione della kermesse, svoltasi oggi 6 settembre a palazzo D’Aronco, erano presenti, tra gli altri, l’assessore regionale alle risorse rurali, agroalimentari e forestali Claudio Violino, il vicepresidente della Provincia di Udine Daniele Macorich, il presidente della Confartigianato di Udine Mauro Damiani, il presidente della Confcommercio di Udine Giuseppe Pavan e il rettore dell’università di Udine Cristiana Compagno.

Musica e divertimento. Nel corso dei quattro giorni di manifestazione si esibiranno oltre 500 artisti per un centinaio di eventi in programma, a cui si aggiungeranno numerose attività di animazione itinerante per bambini. Sulla scia del successo degli scorsi anni, inoltre, anche in questa edizione è confermato il grande concerto finale con l’esibizione, domenica 16 settembre alle 21 in piazza Libertà, della Abbey Town Jazz Orchestra e del sassofonista e cantante Ray Gelato, diretti dal Maestro americano Kyle Gregory, per un grande spettacolo swing, jive e boogie.

L’inaugurazione. Il taglio del nastro che aprirà ufficialmente la kermesse è in programma per giovedì 13 settembre alle 17.30 in piazza Libertà. A scandire l’evento saranno le note suonate dalla Fanfara della Julia, eccezionalmente presente per il momento clou che apre le porte della rassegna al pubblico regionale. Speaker ufficiale sarà Martina Riva, majanese di nascita, ma romana d’adozione dove lavora nella redazione spettacoli di Sky Tg24 come esperta di cinema. Sarà lei a presentare il testimonial di quest’anno, Dino Zoff, e le autorità locali, con il sindaco della città Furio Honsell a fare gli onori di casa.

“Friuli Doc resta un evento cardine dell’attività turistica e promozionale di Udine a beneficio di tutto il Friuli – sottolinea il sindaco di Udine Furio Honsell –. Dopo quasi 20 anni di attività la manifestazione continua a fare scuola e a confermare il ruolo di vetrina delle specialità enogastronomiche e artigianali riuscendo anche a innovarsi negli spazi, nei tempi e nelle modalità di coinvolgimento della città”. Anche quest’anno la kermesse presenta diverse novità. “In particolare valorizzeremo nuovi spazi della città, come piazza Garibaldi e Largo Ospedale Vecchio – spiega il primo cittadino – e proporremo una formula legata a un prodotto tipico più che a un luogo. Daremo inoltre sempre più spinta alla presenza dell’artigianato, che coniugando arte e tecnologia riesce a esprimere perfettamente i valori e la cultura del nostro territorio. Quest’anno, infine, abbiamo voluto marcare la differenza tra eventi più brevi e legati a una fruizione notturna, come la Notte Bianca, e Friuli Doc, che promuove la cultura della qualità enogastronomica, contrastando derive e abusi anche con una più attenta e precisa regolamentazione degli orari”.

Un approccio condiviso anche dall’assessore al Turismo e alle Attività Economiche Vincenzo Martines. “Arrivati al traguardo della XVIII edizione Friuli Doc inizia a diventare un’iniziativa storica della città – dichiara Martines –. Come abbiamo visto anche nelle ultime settimane è un evento che crea sempre dibattito, come è giusto che sia per una manifestazione di questa importanza, che al di là di tutto continua a essere soprattutto una vetrina dei produttori e per i produttori di qualità della nostra regione. Questo è il motivo per cui Friuli Doc continua a esistere e  per cui potrà continuare ad avere un futuro”.

LA MAPPA DEI SAPORI

 Complessivamente saranno oltre 100 gli stand inseriti nella mappa della manifestazione. Con lo spostamento del grande stand dell’Ersa piazza XX Settembre continuerà ad avere un ruolo centrale nella promozione dei prodotti tipici friulani. Sotto il tendone allestito dall’Ente regionale per lo sviluppo agricolo i consorzi e le associazioni dell’agroalimentare regionale proporranno tutto il meglio del “Tipicamente Friulano”: il prosciutto di San Daniele, il formaggio Montasio, la “blave” di Mortean, il figo moro di Caneva, le patate, la trota, i prodotti lattiero caserari di montagna e di pianura e molto altro.

Tra le novità più importanti di quest’anno c’è il ritorno di piazza Garibaldi, di nuovo a disposizione dopo la conclusione dei lavori di ristrutturazione della scuola Manzoni. Qui si potranno degustare le prelibatezze enogastronomiche del Consorzio vini Aquileia, della sagra delle patate di Godia, della cooperativa pescatori di Trieste e della pro loco di Avasinis. Anche in questa edizione in via Mercatovecchio resta confermata la tradizionale presenza di Confartigianato, che sarà protagonista però anche in piazza Matteotti con i migliori prodotti dell’artigianato locale. L’associazione artigiani proporrà, sempre nell’antica piazza delle Erbe, anche numerose animazioni per i bambini. Si amplia anche un’altra location molto apprezzata dai visitatori di Friuli Doc: lo spazio di Largo Ospedale Vecchio sarà ampliato con la collocazione di stand fino quasi in via Crispi. Nella nuova geografia di quest’area troveranno posto il Tarvisiano, le pro loco di Capriva del Friuli, di Chiusaforte, di Pontebba, di Bagnaria Arsa, di San Giorgio di Nogaro e di Coderno.

Grazie al contributo della Camera di Commercio di Udine, che ne ha finanziato la copertura, piazza Venerio ospiterà comodamente molte realtà del territorio delle valli del Torre e del Natisone: le prelibatezze del consorzio Dolce Nord Est, i sapori di castagne e noci di Magnano in Riviera, le fragole e i lamponi di Attimis, il cervo e i vini doc di Savorgnano del Torre, i formaggi di Gemona. La Camera di commercio organizzerà inoltre, nella vicina sede di Friuli Future Forum, in via Savorgnana, una serie di degustazioni ed elaborazioni pratiche dedicate al tema della manifestazione, il formaggio. Per quanto riguarda ancora i tradizionali luoghi della kermesse, restano confermati il piazzale del Castello (dove troverà posto come sempre la comunità collinare, mentre il Cna proporrà una mostra fotografica alla Casa della Contadinanza), via Cavour (dove ci saranno l’associazione produttori apistici, l’Ecomuseo delle acque, la pro loco di Pantianicco, l’associazione per la valorizzazione dei prodotti caprini, il frantoio di Campeglio), piazzetta Belloni (con la sagra dell’oca di Morsano al Tagliamento), piazza Duomo, via Vittorio Veneto e via San Francesco (dove restano la Comunità montana della Carnia e le pro loco di Nimis e Faedis) e piazza San Cristoforo (il frico di Carpacco).

Ricette e prodotti tipici carnici saranno ancora protagonisti in piazza Duomo (comprese piazzetta Bertrando, via Vittorio Veneto e via San Francesco), dove si accomoderanno gli stand della Comunità Montana della Carnia e le pro loco di Nimis e Faedis. Come sempre a fare gli onori di casa saranno, tra gli altri, i gettonatissimi cjarsons, la richiestissima birra di Sauris e le immancabili frittelle di mele. In via Stringher troveranno posto invece i vini e le tradizioni culinarie di Buttrio.

Tra le iniziative dedicate ai giovani non poteva mancare anche quest’anno la “Oasi per i giovani” allestita in piazzetta Antonini (via Petracco), davanti all’università, dall’Agenzia Giovani del Comune in collaborazione con le Officine Giovani e l’università di Udine. Come sempre nel corso dei quattro giorni di manifestazione questo spazio proporrà un ricco programma di concerti, laboratori, mostre e idee espressamente dedicati a ragazzi e ragazze. nell’Oasi giovane di, daranno vita a numerose attività rivolte al pubblico giovane. In via del Sale largo al gioco e al divertimento con le tante proposte della Ludoteca comunale (aperta dalle 9 alle 12 il giovedì, dalle 15 alle 18 il venerdì, dalle 15 alle 18 e dalle 20.30 alle 23.30 il sabato). Molte altre vie, infine, saranno popolate dai tanti stand e dalle casette del Comune messe a disposizione delle associazioni del territorio per la promozione delle loro attività. Non mancheranno iniziative e appuntamenti culturali, con tante mostre aperte al pubblico, dalla mostra fotografica “La donna nel mondo artigiano” nella Casa della Contadinanza alle esposizioni di Keith Haring ed Elliot Erwitt nell’ambito di Bianco&Nero fino alla XIII edizione di “Spirito Di Vino”. Confermati infine anche gli appuntamenti quotidiani con la presentatrice ufficiale di Friuli Doc, la giornalista Sky Martina Riva, impegnata quotidianamente a intervistare, sotto la Loggia del Lionello, i protagonisti della kermesse, dalle autorità ai principali gruppi che si esibiranno ogni giorno sui palcoscenici, passando per i responsabili dei vari stand, cuochi, sommelier e molti altri ancora.

Tutte le informazioni, il programma e molto altro ancora è consultabile sul sito www.comune.udine.it o presso il PuntoInforma in via Savorgnana 12 (tel. 0432 414717/718)