L’incontro mercoledì, 25 maggio, a palazzo D’Aronco

Comune e scuole, primo incontro
per la convenzione quadro

L’assessore all’Istruzione, Kristian Franzil, e i dirigenti scolastici e del Comune
hanno discusso delle proposte di lavoro per il periodo giugno-dicembre 2011

Si è tenuto mercoledì 25 maggio in Comune il primo incontro della Conferenza di attuazione della Convenzione quadro del “sistema integrato scuola-territorio” firmata il 22 marzo scorso dal sindaco di Udine, Furio Honsell, dall’assessore all’Istruzione, Kristian Franzil, e dai dirigenti scolastici del 2°, 3° e 4° circolo didattico di Udine e delle scuole secondarie di primo grado “Piazza Garibaldi”, “Via Petrarca” e “Via Divisione Julia”.

Dal primo incontro sono state condivise e adottate le modalità procedurali che la conferenza adotterà fino alla fine di quest’anno ed è stata nominata, quale rappresentante unico delle Istituzioni, la dirigente Roberta Bellina. Il gruppo di lavoro, al quale hanno partecipato i dirigenti delle scuole e del Comune e l’assessore Franzil, ha anche discusso delle proposte di lavoro per il periodo giugno-dicembre 2011 relative a diversi temi affrontati, che spaziano dal dimensionamento scolastico all’organizzazione degli orari scolastici, dai servizi pre e post accoglienza alla ristorazione, passando per trasporto, manutenzione arredi e i piani dell’offerta formativa.

Piani per l’offerta formativa, edifici scolastici, servizi e politiche di integrazione e prevenzione al disagio e all’abbandono scolastico sono infatti i quattro principali temi su cui il Comune investe e su cui le istituzioni scolastiche si trovano a pianificare la propria attività. Ecco perché, per affrontare in modo efficace tutti questi progetti, è stata stipulata la convenzione quadro, in modo da affrontare le diverse tematiche in modo integrato e sinergico.

L’obiettivo generale è favorire l’integrazione tra scuola e territorio per consolidare e sviluppare i rapporti di collaborazione tra le realtà scolastiche e le richieste delle famiglie, collegando le politiche adottate dal Comune in materia di servizi rivolti agli alunni a contenuto educativo ed assistenziale e, più in generale, in materia di politiche educative, giovanili e di inclusione sociale con la programmazione e realizzazione dei piani dell’offerta formativa delle scuole. Le conseguenze dell’integrazione, oltre che un miglioramento dei servizi, saranno la sburocratizzazione e la semplificazione delle attività, un risparmio di risorse sia umane sia economiche e una maggiore autonomia scolastica, visto che il Comune erogherà un contributo unico che i dirigenti potranno destinare secondo le loro priorità.

L’accordo, lo ricordiamo, ha durata di 5 anni ed è rinnovabile. Ne fanno parte l’assessore all’Istruzione Kristian Franzil e i sei dirigenti Vilma Candoli, (1° Circolo Didattico), Marina Bosari (2° Circolo Didattico e Scuola secondaria di 1° grado di via Divisione Julia), Maria Piani ( 3° Circolo Didattico), Vittorio del Bianco (4° Circolo Didattico), Roberta Bellina (Scuola secondaria di 1° grado di via Petrarca), Stefano Stefanel (Scuola secondaria di 1° grado di piazza Garibaldi).

Già in calendario il prossimo incontro che si terrà il 6 giugno.



Tags: