Sarà valida per il triennio 2010-2012

Comune e Css,
rinnovata la convenzione

Il contributo passa da 55 mila a 90 mila euro all'anno

imagesRinnovata anche per il triennio 2010-2012 la convenzione tra Comune di Udine e CSS Teatro Stabile di innovazione del Fvg. Lo ha deciso martedì 3 febbraio, la giunta comunale del capoluogo friulano approvando lo schema d’accordo già stabilito nella precedente convenzione triennale in scadenza quest’anno. Non un semplice rinnovo, comunque, perché nel nuovo “patto” il Comune riconosce con maggiore determinazione l’importante ruolo svolto da una delle principali realtà culturali della regione e unico Teatro stabile di produzione della città di Udine.

Le linee guida approvate, che serviranno per la stesura della convenzione attuativa, impegnano infatti il Comune a potenziare il rapporto di collaborazione con il Css, organismo da anni già partecipato dalla Provincia e dal Comune. Verrà così costituito un organismo paritetico composto dalla Presidenza del Css e dall’Assessorato alla Cultura con lo scopo di verificare periodicamente l’attuazione dei reciproci impegni, esaminare i progetti dei due enti nel settore delle attività culturali e teatrali, coordinando gli interventi e favorendo il migliore utilizzo delle risorse del sistema teatrale udinese e, al contempo, concertando indirizzi condivisi per la promozione e lo sviluppo di un turismo culturale cittadino.

Per quanto riguarda il Comune, palazzo D’Aronco si impegna, proprio in un momento in cui i fondi regionali alla cultura stanno subendo pensanti tagli, a incrementare il contributo economico che annualmente viene concesso al Css. Dai precedenti 55 mila euro annui, infatti, per il prossimo triennio la giunta Honsell ha deciso di erogarne 90 mila, considerato anche il fatto che il Css, come locatario del Teatro San Giorgio, versa già alle casse comunali un affitto annuale di oltre 20 mila euro. La rinnovata convenzione consentirà al Css di sviluppare ulteriormente le proprie attività culturali e teatrali con un raggio di azione che si estende, soprattutto per gli spettacoli di produzione Css, dal territorio cittadino a quello nazionale e internazionale, come già accaduto negli anni passati. In particolare, l’accordo fa riferimento alla consolidata e continuativa esperienza dello stabile udinese nel favorire l’accesso all’esperienza teatrale fra un pubblico sempre più ampio, coinvolgendo anche il mondo della scuola e i giovani. Css e Comune si impegnano inoltre a promuovere e valorizzare la lingua e la cultura friulana con nuovi e innovati progetti dedicati.

Fondato nel 1978, il Css di Udine dal 1984 è riconosciuto dal Ministero per i Beni e Attività Culturali e dal gennaio 2000 è il Teatro stabile di innovazione del Friuli Venezia Giulia, una realtà culturale e aziendale consolidata che riunisce, in una struttura cooperativa, circa venti soci lavoratori e dipendenti, cui si aggiungono ogni stagione oltre duecento persone coinvolte nell’attività, fra attori, registi, scenografi, designer luci e vari collaboratori artistici, organizzativi e tecnici scritturati. Ed è proprio sulla base del forte impegno all’innovazione e alla costante spinta all’eccellenza nell’ambito culturale e teatrale dimostrata in 30 anni di attività dal CSssche il Comune ha deciso di rinnovare la convenzione triennale.



Tags: ,