[:it]Martedì 27 aprile alle ore 18 in sala Ajace il primo appuntamento[:fu]Martars ai 27 di Avrîl aes 6 sot sere
in sale Ajace il prin apontament

Cinque serate per scoprire
i grandi scavi archeologici made in FriuliCinc seradis par scuvierzi
i grancj sgjâfs archeologjics made in Friûl

[:it]L'università e il Comune di Udine propongono cinque appuntamenti dedicati alle grandi scoperte
dei principali scavi archeologici dell’ateneo udinese nel Friuli e nel mondo[:fu]La universitât e il Comun di Udin a proponin cinc apontaments dedicâts aes grandis scuviertis
dai principâi sgjâfs archeologjics dal ateneu udinês intal Friûl e intal mont

Cinque serate di misteri svelati e scoperte sensazionali nei grandi scavi archeologici dell’università di Udine nel Friuli e nel mondo. È tutto pronto per il debutto di “Memorie della terra”, il ciclo di conferenze archeologiche organizzato dal dipartimento di Storia e Tutela dei Beni Culturali dell’ateneo udinese e dall’assessorato al Turismo

Cinc seradis di misteris e scuviertis intai grancj sgjâfs archeologjics de universitât di Udin intal Friûl e intal mont. Al è dut pront pal debut di “Memoriis de tiere”, il cicli di conferencis archeologjichis organizât dal dipartiment di Storie e Tutele dai Bens Culturâi dal ateneu udinês e dal assessorât al Turisim e ae Culture dal Comun di Udin. Tacant dai 20 di Avrîl si fasaran cinc apontaments divulgatîfs; i protagoniscj des scuviertis a presentaran i lôr lavôrs archeologjics plui straordenariis tirâts a tiermin de universitât di Udin in Sirie e inte nestre regjon. Une schirie di incuintris pensâts par un public di no confasûts ai lavôrs par contâ ricercjis memorabilis cun presentazions semplicis e che a inmaghin, basadis suntun ûs larc di audiovisîfs.

La conference di viertidure de rassegne, programade par martars ai 20 Avrîl in sale Ajace aes 18, e presentarà i sgjâfs archeologjics in Sirie, dulà che di un deceni l’ateneu furlan al è protagonist cuntune des missions archeologjichis tal forest plui impuartantis dal nestri Paîs intal sît di Mishrifeh, la antighe Qatna, une des grandis capitâls dal Jevât dal II mileni p. di C. L’incuintri, tignût dal prof. Daniele Moranti Bonacossi, si intitularà “Tesaurs de antighe Sirie. La discuvierte dal ream di Qatna”. Il scoltadôr al sarà condot ae discuvierte di un dai reams dismenteâts principâi de Sirie antighe, che il lavôr dai archeolics furlans al à tornât vuê dal polvar de stepe. La narazion, che e mostrarà lis scuviertis plui impuartantis fatis intai palaçs, intai templis, intes buteghis e intai sepulcris regâi de citât di Qatna, e permetarà di ricostruî la storie e la vite di une grande citât de Sirie antighe, logade te crosere des rotis comerciâls tra il Mediterani e l’Orient Vicin.

Il secont bloc di incuintris al interessarà in maniere direte la storie dal Friûl, tacant de preistorie fin a rivâ ae epoche medievâl. Un viaç inte memorie storiche de nestre regjon che al partirà cun “Il Friûl prime dai romans. Ricercjis e scuviertis intai lûcs de protostorie” (27 Avrîl oris 18) par puartâ indevant i spetatôrs traviers tumui e cjastelîrs, sepulcris imponents e insediaments di epoche protostoriche, par tancj aspiets ancjemò misteriôs e plens di incjant, semenâts inte planure furlane. Po la atenzion si movarà su Aquilee, une citât “europeane” za in epoche romane, proietade viers i emporis orientâi e mediteranis. L’incuintri “Dal sgjâf des Grandis Termis ae storie di Aquilee” (ai 4 di Mai aes 18) al presentarà lis testemoneancis archeologjichis cjatadis intai grancj edificis termâi sgjavâts dai archeolics specialiscj de universitât di Udin.

La cuarte tape di chest viaç intal timp si intitularà “I custodis des vals: la vite di un cjistiel dal Friûl Orientâl” (ai 11 di Mai oris 18), la conte di une epoche inceose tant che la ete di mieç furlan, traviers la storie e la descrizion dai cjistiei, lis testemoneancis plui emblematichis di chel timp, a metât tra fuartece e centri urban, metûts a protezion dai cjanâi de nestre regjon.

Il cicli di incuintris si sierarà cui “Vues de tiere” (ai 18 di Mai oris 18), un apontament dedicât al insiemi des informazions che il studi dai rescj scheletrics umans cjatâts fûr intai sgjâfs archeologjics dal ateneu furlan al furnìs a specialiscj e sempliçs interessâts. In particolâr, la conte e mostrarà cemût che i rescj dai vues cjatâts fûr intes necropolis antighis a rapresentin une sorte di “archivi” che al permet di rimontâ no dome al ses e ae etât dai individuis, ma ancje al lôr stât di salût, aes abitudins alimentârs e fintremai al lavôr cuotidian fat des popolazions umanis dal passât.e alla Cultura del Comune di Udine. A partire dal 27 aprile scatteranno cinque appuntamenti divulgativi, nel corso dei quali gli stessi protagonisti presenteranno le scoperte archeologiche più straordinarie portate a termine dall’università di Udine in Siria e nella nostra regione. Una serie di incontri pensati per un pubblico di non addetti ai lavori per raccontare ricerche memorabili attraverso presentazioni semplici e accattivanti, basate su un largo uso di audiovisivi. 

La conferenza di apertura della rassegna, in programma martedì 27 aprile in sala Ajace alle 18, presenterà gli scavi archeologici in Siria, dove da oltre un decennio l’ateneo friulano è protagonista con una delle missioni archeologiche all’estero più importanti del nostro Paese nel sito di Mishrifeh, l’antica Qatna, una delle grandi capitali del Levante del II millennio a.C. L’incontro, tenuto dal prof. Daniele Moranti Bonacossi, si intitolerà “Tesori dell’antica Siria. La scoperta del regno di Qatna”. L’ascoltatore sarà condotto alla scoperta di uno dei principali regni dimenticati della Siria antica, che il lavoro degli archeologi friulani ha oggi restituito dalla polvere della steppa. La narrazione, che procederà attraverso l’illustrazione delle scoperte più sensazionali fatte nei palazzi, nei templi, nelle botteghe e nei sepolcri reali della città di Qatna, consentirà di ricostruire la storia e la vita di una grande città carovaniera della Siria antica, posta all’incrocio delle rotte commerciali tra Mediterraneo e Vicino Oriente.

 Il secondo blocco di incontri interesserà direttamente la storia del Friuli a partire dalla preistoria fino a giungere all’epoca medievale. Un viaggio nella memoria storia della nostra regione che partirà da “Il Friuli prima dei romani. Ricerche e scoperte nei luoghi della protostoria” (4 maggio ore 18) per condurre gli spettatori attraverso tumuli e castellieri, imponenti sepolcri ed insediamenti di epoca protostorica, per molti aspetti ancora misteriosi e ricchi di fascino, disseminati nella pianura friulana. Successivamente l’attenzione si sposterà su Aquileia, una città “europea” già in epoca romana, proiettata verso gli empori orientali e mediterranei. L’incontro “Dallo scavo delle Grandi Terme alla storia di Aquileia” (11 maggio alle 18) presenterà le testimonianze archeologiche rinvenute nei grandi edifici termali scavati dagli specialisti archeologi dell’università di Udine.

 Quarta tappa di questo viaggio nel tempo si intitolerà “I custodi delle valli: la vita di un castello del Friuli Orientale” (18 maggio ore 18), il racconto di un’epoca affascinante come il medioevo friulano, attraverso la storia e la descrizione dei castelli, le più emblematiche testimonianze di quel tempo, a metà tra fortezza e centro urbano, posti a protezione delle vallate della nostra regione.

 Il ciclo di incontri si chiuderà con le “Ossa della terra” (25 maggio ore 18), un appuntamento dedicato all’insieme delle informazioni che lo studio dei resti scheletrici umani rinvenuti negli scavi archeologici dell’ateneo friulano fornisce a specialisti e semplici interessati. In particolare, il racconto mostrerà come i resti ossei rinvenuti nelle antiche necropoli rappresentino una sorta di “archivio” attraverso il quale è possibile risalire non solo al sesso e all’età degli individui, ma anche al loro stato di salute, alle abitudini alimentari e addirittura al lavoro quotidiano svolto dalle popolazioni umane del passato. Calendario conferenze