Nell’ambito del progetto europeo “CEC5”
di cui fa parte anche il Comune di Udine

Certificazione energetica degli edifici,
giornate formative in Comune

L’Agenzia Politiche ambientali dell’amministrazione comunale organizza in questi giorni
una serie di incontri formativi rivolti a tecnici impiantisti e professionisti del settore

Nell’ambito del progetto europeo “CEC5”, di cui fa parte anche il Comune di Udine, l’Agenzia Politiche ambientali dell’amministrazione comunale è impegnata proprio in questi giorni nell’organizzazione di una serie di giornate di formazione sui temi della certificazione energetica degli edifici. Il ciclo di incontri, programmati tra il 15 e il 30 luglio, è riservato in particolare a tecnici impiantisti e professionisti del settore e si propone di fare il punto sulla normativa attualmente in vigore. Contestualmente, inoltre, viene presentato il cosiddetto “protocollo Cesba”, il futuro strumento comunitario per la diagnosi della sostenibilità ambientale ed energetica degli edifici.

L’iniziativa si avvale dell’apporto di soggetti e professionisti del settore energetico e prevede anche sopralluoghi a edifici di proprietà privata o dell’amministrazione comunale presenti sul territorio comunale, scelti come esempi di eccellenza per i criteri di sostenibilità adottati. Proprio oggi 25 luglio i partecipanti alle giornate formative hanno visitato la centrale di trigenerazione del Terminal nord, la Casa dello studente del polo dei Rizzi e l’asilo di via Baldasseria Media. A fronte del forte interesse riscontrato, l’amministrazione comunale ha già in programma nei prossimi mesi ulteriori occasioni di formazione e informazione rivolte a un pubblico (anche non tecnico) sempre più attento alle prestazioni energetico-ambientali degli edifici.

Il progetto europeo “CEC5-Demonstration of energy efficiency and utilisation of renewable energy sources through public buildings”, si propone di definire un sistema di certificazione energetica degli edifici omogeneo a livello europeo. Realizzato nell’ambito del programma europeo “Central Europe 2007-2013”, il progetto “CEC5” gode di un finanziamento comunitario di oltre 4,5 milioni di euro, di cui circa 455 mila euro a favore del Comune di Udine. Una parte dei fondi a disposizione, circa 300 mila euro, saranno destinati al recupero del complesso dell’ex macello in chiave sostenibile, attraverso la realizzazione di una speciale copertura vetrata con pannelli fotovoltaici e l’applicazione di soluzioni innovative per l’utilizzo di fonti energetiche rinnovabili. Insieme al capoluogo friulano partecipano 12 enti di otto Paesi europei (Austria, Germania, Italia, Polonia, Repubblica Ceca, Slovacchia, Slovenia e Ungheria), con l’Agenzia per lo sviluppo regionale del Voralberg quale soggetto capofila.



Tags: