Il primo cittadino ha incontrato
i proprietari della ditta “Pozzi &Martinenghi”

Centrale a biomasse di Paderno,
confermata la posizione del Comune

Honsell: “Abbiamo appurato che si tratta di un impianto innovativo e a basso impatto,
ma resta inopportuno realizzarlo in una zona residenziale. Cercheremo un sito alternativo”

“Ho confermato l’inopportunità di realizzare un impianto di questo tipo a Paderno, rendendomi però disponibile a individuare un’altra area più adatta”. Il sindaco di Udine Furio Honsell riassume così i contenuti dell’incontro, avvenuto mercoledì 14 settembre a palazzo D’Aronco, con i proprietari e i tecnici della “Pozzi & Martinenghi”, la ditta di Paderno che ha presentato un progetto per la realizzazione di una centrale a biomasse in via Alba.

“Abbiamo messo a fuoco i dati tecnici del progetto constatando che si tratta di un impianto anche innovativo e a basso impatto – sottolinea il primo cittadino, che ha partecipato all’incontro insieme con gli assessori alla Qualità della città Lorenzo Croattini e alla Gestione urbana Gianna Malisani e ai tecnici comunali –. Abbiamo confermato però l’inopportunità di insediare un’attività di questo tipo in una zona residenziale come quella di Paderno e in questo senso anche la ditta ha concordato, almeno in parte”.

Nel corso dell’incontro i proprietari e i tecnici della “Pozzi & Martinenghi”, guidati dal titolare Donato Pozzi, hanno illustrato nel dettaglio il progetto, soffermandosi anche sui dati relativi alle emissioni in atmosfera e al rumore, che secondo i progettisti della ditta rientrano ampiamente nei parametri previsti dalla normativa. “Ho garantito l’impegno del Comune nell’individuazione di un sito più adatto – conclude Honsell – e su questa base ci incontreremo nuovamente per trovare una soluzione che tuteli anche i posti di lavoro dell’impresa. Naturalmente ci terremo in contatto anche con il comitato di cittadini, che sarà nostra cura aggiornare sugli sviluppi della vicenda”.