L’edificio garantirà una quarantina di sale
da mettere a disposizione delle associazioni cittadine

Caserma Osoppo, approvato
il primo progetto preliminare

Un’opera da 700 mila euro che consentirà di riqualificare
l’ex palazzina comando del complesso militare

La giunta ha approvato il progetto preliminare della prima tranche di lavori di sistemazione della caserma Osoppo, relativi all’ex palazzina comando del complesso militare, dove in base all’orientamento dell’amministrazione comunale troverà posto la “casa delle associazioni”. Un intervento da 700 mila euro, che consentirà di recuperare un edificio di due piani per un migliaio di metri quadrati. Qui troveranno posto diverse associazioni udinesi, che avranno a disposizione complessivamente una quarantina di sale.

Diverse le opere inserite nel progetto preliminare, che prevede il rifacimento degli impianti (elettrico, termico, idrico), la riorganizzazione degli spazi, la revisione dei serramenti esterni e il ripristino dei pavimento. Per garantire il superamento delle barriere architettoniche saranno installate apposite piattaforme elevatrici. Non sono previsti interventi strutturali dal momento che opere di sistemazione del tetto e dei solai erano già stati effettuati prima della dismissione del complesso. Inoltre ai lavori sull’edificio si aggiungeranno opere di sistemazione dell’area esterna, un parco attualmente in stato di degrado. Gli spazi esterni, una volta recuperati saranno fruibili anche dall’esterno, mettendo così a disposizione di tutto il quartiere un’ampia zona verde. “Con questo intervento – sottolinea il sindaco di Udine Furio Honsell – poniamo un primo tassello per il recupero di un’ampia area dismessa restituendo alla città anche un’area verde a disposizione di tutta la cittadinanza”.

Entro il 2011 gli uffici comunali dovrebbero completare l’iter progettuale mentre i lavori saranno effettuati nel corso del prossimo anno. L’area della ex caserma Osoppo, va ricordato, copre una superficie di circa 11 ettari e si colloca nel quadrante nord orientale della città, in prossimità al quartiere Aurora (Peep Est), accessibile da via Cividale. Attualmente, il complesso si compone di numerosi edifici, per un volume totale di circa 150 mila metri cubi.



Tags: