Dal 27 febbraio al 2 marzo
in via Mercatovecchio

Carnevale, torna la manifestazione
“Costumi e sapori dal mondo”

Quattro giorni all’insegna di musica, divertimento, balli,
giochi per bambini e, ovviamente, prodotti tipici e artigianato

Dopo il grande successo delle scorse edizioni anche quest’anno i festeggiamenti carnevaleschi saranno arricchiti dalla manifestazione “Costumi e sapori del mondo”, la kermesse dei prodotti tipici dall’Italia e dal mondo in programma dal 27 febbraio al 2 marzo in via Mercatovecchio. L’evento, organizzato dalla Flash srl in collaborazione con il Comune di Udine, proporrà quattro giorni, a cavallo tra giovedì e martedì grasso, all’insegna di musica, divertimento, balli, giochi per bambini e naturalmente prodotti tipici e artigianato. “Abbiamo deciso di riproporre una manifestazione che offre la possibilità alle famiglie di festeggiare il Carnevale con una ricca offerta di intrattenimento, animazione, prodotti enogastronomici e artigianali – spiega l’assessore alle Attività economiche e turistiche, Alessandro Venanzi –. In un momento di crisi economica abbiamo voluto portare questa iniziativa in via Mercatovecchio per supportare il rilancio dell’area”. Come nelle passate edizioni anche quest’anno non mancherà “La pesa delle mascherine più belle”, una delle attrazioni più originali e attese dai bambini: in palio tanti chili di caramelle quanto il peso dei vincitori. L’iniziativa premierà non solo i costumi più belli, ma tutti i piccoli partecipanti. Nei quattro giorni della manifestazione si susseguiranno poi spettacoli, giochi e balli per il divertimento di tutta la famiglia. Proprio per il buon riscontro di pubblico ottenuto dalla manifestazione nelle passate edizioni, l’amministrazione comunale, oltre al patrocinio, ha concesso all’iniziativa una riduzione del 40% del canone di Occupazione del suolo pubblico. “Come amministrazione – sottolinea Venanzi – riteniamo che questi eventi rappresentino un’importante risorsa per rivitalizzare il centro storico, non a caso gli appuntamenti fieristici di questo tipo sono passati da 12 nel 2012 a 38 nel 2013. Anche nei prossimi mesi puntiamo a consolidare le iniziative che funzionano cercando di individuare e avviare anche altre nuove manifestazioni”.