[:it]Il consuntivo chiude con 5,9 milioni di avanzo[:fu]Il consuntîf si siere cun 5,9 milions di avanz

Bilancio consuntivo, nel 2009
investimenti per 26 milioni di euroBelanç consuntîf, intal 2009
invistiments par 26 milions di euros

[:it]Nel 2009 gli investimenti sono stati pari a 26 milioni di euro,
destinati principalmente alle scuole (7,4 milioni) e alla viabilità (5,3 milioni)[:fu]Intal 2009 i invistiments a son stâts si 26 milions di euros, destinâts prin di dut aes scuelis (7,4 milions) e ae viabilitât (5,3 milions)

palazzo_d'aroncoVia libera alla relazione della giunta al consuntivo, documento che è parte integrante dell’iter di approvazione del conto consuntivo, pronto a passare al vaglio del Consiglio comunale entro fine mese.

palazzo_d'aroncoVie libare ae relazion de Zonte al consuntîf, document che al fâs part ad in plen dal iter di aprovazion dal cont consuntîf, pront a passâ sot dal esam dal Consei comunâl dentri de fin dal mês. In base ai dati contenuti nella relazione il bilancio consuntivo 2009 chiude con un avanzo di amministrazione pari a 5,9 milioni di euro, dato dalla somma del saldo di gestione di competenza, pari a 3 milioni di euro, del saldo gestione residui, pari a 950 mila euro e l’avanzo 2008 non utilizzato, pari a 1,9 milioni di euro. Di questi 5,9 milioni sono già stati vincolati 1,76 milioni di euro per la gestione dei legati e dell’ambito socio assistenziale. L’avanzo disponibile pari a 4,1 milioni di euro non sarà utilizzato per la quasi totalità dell’importo a garanzia degli equilibri del bilancio corrente 2010 e quale fondo per far fronte a eventuali situazioni contingenti.

“È un bilancio consuntivo che deriva da un anno ricco di risultati ed è caratterizzato da un massiccio avvio di opere pubbliche – sottolinea il sindaco Furio Honsell –, in linea con le misure per contrastare la recessione economica e garantire anche la piena efficienza dei servizi ai cittadini. Siamo riusciti a consolidare un avanzo che ci permetterà di gestire meglio una recessione economica che non accenna a placarsi”. Il Comune monitora costantemente la situazione economica anche per valutare in tempo reale il trend economico regionale. “Come già comunicato durante l’esposizione del bilancio previsionale 2010 – spiega il vicesindaco e assessore al Bilancio Vincenzo Martines – nel corso di quest’anno faremo dei monitoraggi per verificare l’andamento della finanza regionale. L’avanzo del 2009 verrà quindi prudenzialmente applicato da questa amministrazione solo alla luce dei risultati che emergeranno da questa fase di monitoraggi”.

Gli investimenti sono stati pari a 26 milioni di euro. I principali sono stati quelli realizzati per patrimonio (8,5 milioni), impianti sportivi (circa 2 milioni), strade e viabilità (5,3 milioni), plessi scolastici (7,4 milioni), musei e biblioteche (625 mila), interventi sul verde pubblico (530 mila).

Le entrate correnti, per la parte di competenza, si attestano su 124 milioni di euro e sono composte da tre categorie (tributarie, extratributarie e trasferimenti).

Le entrate tributarie si attestano complessivamente su 20 milioni di euro, dei quali 15 milioni di euro dall’Ici, 3,2 milioni di euro dall’addizionale Irpef, 1,1 milione di euro dalle imposte su pubblicità e diritti di pubbliche affissioni, 870 mila euro dall’addizionale Enel.

I contributi correnti sono pari a 73 milioni. La parte più consistente arriva dalla Regione con 67,4 milioni, dei quali 43 milioni ordinari, 19 milioni per finalità socio-assistenziali, 5 milioni per investimenti e 340 mila per attività culturali, salvaguardia della lingua friulana e manifestazioni turistiche. Dallo Stato invece arrivano al Comune di Udine 4,2 milioni. Infine, da altri enti pubblici 1,4 milioni di euro: 600 mila riguardano i rimborsi degli altri comuni dell’ambito, 250 mila contributi provinciali su investimenti e 140 mila il contributo del credito sportivo sugli interessi dei mutui.

Le entrate extratributarie sono pari a 30,8 milioni di euro, dei quali 16,9 milioni di euro per proventi dei servizi, 4,1 milioni per proventi diversi, 4,6 milioni per proventi di beni, 1,7 per interessi attivi e 3,5 milioni per utili di società partecipate.

Fra i principali proventi che derivano da servizi, il Comune incassa 2,8 milioni di euro dai servizi dell’attività assistenziale, per i soggiorni ricreativi, l’assistenza domiciliare, il mantenimento degli anziani, minori e disabili in istituti, case di riposo e comunità residenziali. A seguire 3 milioni di euro dai servizi di società partecipate (1,4 milioni di euro per fognatura e depurazione, 36 mila euro per l’acquedotto, 1,3 milioni di  euro per il gas, 143 mila euro per il mercato ortofrutticolo, 131 mila euro per la nettezza urbana). Dai servizi cimiteriali e pompe funebri entrano nelle casse del Comune 2,2 milioni  euro, mentre 1,8 milioni di euro provengono dai servizi di assistenza scolastica (mense, percorsi educativi, pre e post accoglienza e doposcuola). Infine, 750 mila euro derivano dal funzionamento degli impianti sportivi,  358 mila euro dagli asili nido, 131 mila euro dalle attività culturali e dei musei, 140 mila euro dai centri ricreativi estivi e 120 mila euro dalle manifestazioni turistiche. Fra i principali proventi dei beni il canone per occupazione di suolo pubblico 800 mila euro, gli affitti da alloggi e altri stabili 1,2 milioni di euro, le concessioni cimiteriali 1,2.

Le spese, per la parte di competenza, sono relative a spese correnti per 115 milioni di euro, rimborso di prestiti per 10,9 milioni di euro e spese in conto capitale, al netto degli investimenti di cassa  per 26 milioni di euro.

Le spese correnti sono composte da 37,9 milioni per spese di personale (al 31 dicembre 2009 il Comune aveva alle proprie dipendenze 979 dipendenti, da 1,6 milioni per acquisti di materiale di consumo, 44 milioni per prestazioni di servizi (di cui le principali: 12 milioni nell’area sociale, 10 per spese di funzionamento, 5 milioni di manutenzioni per il patrimonio e la gestione del verde pubblico, 4 milioni per viabilità e illuminazione pubblica, 4 milioni per scuole ed asili nido, 2,4 milioni per attività culturali e museali, 1,2 per gestione cimiteriale, 1 milione all’area giovani, 670 mila per iniziative promozionali e circoscrizionali); 2,6 milioni per canoni e fitti passivi, 18 milioni per trasferimenti (contributi), 6 milioni di interessi passivi su mutui e prestiti, 3,7 milioni per oneri straordinari della gestione corrente.



Su la fonde dai dâts contignûts inte relazion il belanç consuntîf 2009 si siere cuntun avanz di aministrazion par 5,9 milions di euros, dât de sume de licuidazion di gjestion di competence, par 3 milions di euros, de licuidazion de gjestion dai residuis, par 950 mil euro e l’avanz 2008 no doprât, par 1,9 milions di euros. Di chescj 5,9 milions a son stâts za vincolâts 1,76 milions di euros pe gjestion dai legâts e dal ambit socioassistenziâl. Cuasi dut l’impuart dal avanz disponibil, vâl a dî 4,1 milions di euros, nol sarà doprât, in maniere di garantî i ecuilibris dal belanç corint 2010 e tant che fonts par frontâ, se al coventarà, situazions contingjentis.

“Al è un belanç consuntîf che al derive di un an plen di risultâts e al è caraterizât dal inviâsi di tantis oparis publichis – al rimarche il sindic Furio Honsell –, in linie cu lis misuris par fâi cuintri ae recession economiche e par garantî ancje la eficience plene dai servizis ai citadins. O sin rivâts a consolidâ un avanz che nus permetarà di gjestî miôr une recession economiche che no da segnâi di fermâsi”. Il Comun al ten controlade in maniere fisse la situazion economiche ancje par valutâ in ogni moment la tindince economiche regjonâl. “Cemût che o vin za comunicât dilunc de esposizion dal belanç previsionâl dal 2010 – al sclarìs il vicesindic e assessôr al belanç Vincenzo Martines – dilunc di chest an o tignarìn controlât l’andament de finance regjonâl. Cussì l’avanz dal 2009 al sarà doprât cun prudence di cheste aministrazion, dome daûr dai risultâts che a vignaran sù di cheste fase di controi”.

I invistiments a son stâts di 26 milions di euros. Chei principâi a son stâts chei fats par patrimoni (8,5 milions), implants sportîfs (plui o mancul 2 milions), stradis e viabilitât (5,3 milions), scuelis (7,4 milions), museus e bibliotechis (625 mil), intervents sul vert public (530 mil).

Lis jentradis corintis, pe part di competence, a rivin a 124 milions di euros e a son componudis di trê categoriis (tributariis, extratributariis e trasferiments).

Lis jentradis tributariis a rivin in complès a 20 milions di euros, di chei 15 milions di euros de Ici, 3,2 milions di euros de adizionâl Irpef, 1,1 milion di euros des impuestis su publicitât e dirits di afissions publichis, 870 mil euros de adizionâl Enel.

I contribûts corints a son di 73 milions. La plui part e rive de Regjon cun 67,4 milions, di chei 43 milions ordenaris, 19 milions par fins socioassistenziâi, 5 milions par invistiments e 340 mil par ativitâts culturâls, difese de lenghe furlane e manifestazions turistichis. Dal Stât invezit i rivin al Comun di Udin 4,2 milions. Infin, di altris ents publics 1,4 milions di euros: 600 mil a son dai rimbors di chei altris comuns dal ambit, 250 mil dai contribûts provinciâi su invistiments e 140 mil dal contribût dal credit sportîf sui interès dai mutuis.

Lis jentradis extratributariis a son di 30,8 milions di euros, di chei 16,9 milions di euros a son par jentradis dai servizis, 4,1 milions par jentradis diviersis, 4,6 milions par jentradis di bens, 1,7 par interès atîfs e 3,5 milions par utii di societâts partecipadis.

Fra lis jentradis principâls che a derivin di servizis, il Comun al incasse 2,8 milions di euros dai servizis de ativitât assistenziâl, pes iniziativis ricreativis, pe assistence domiciliâr, pal mantigniment dai anzians, minôrs e disabii in istitûts, cjasis di polse e comunitâts residenziâls. Po dopo 3 milions di euros dai servizis di societâts partecipadis (1,4 milions di euros par fognadure e depurazion, 36 mil euros pal acuedot, 1,3 milions di euros pal gas, 143 mil euros pal marcjât ortofruticul, 131 mil euros pe netisie urbane). Dai servizis cimiteriâi e des pompis funebris a jentrin intes cassis dal Comun 2,2 milions euros, intant che 1,8 milions di euro a vegnin dai servizis di assistence scolastiche (mensis, percors educatîfs, jentrade anticipade e posticipade e doposcuele). Infin, 750 mil euros a rivin dal funzionament dai implants sportîfs, 358 mil euros dai asîi nît, 131 mil euros des ativitâts culturâls e dai museus, 140 mil euros dai centris ricreatîfs di Istât e 120 mil euros des manifestazions turistichis. Fra lis jentradis principâls dai bens il fit par ocupazion di teren public al da 800 mil euros, i fits di lozaments e altris stabii a dan 1,2 milions di euros, lis concessions cimiteriâls a dan 1,2.

Lis spesis, pe part di competence, a son relativis a spesis corintis par 115 milions di euros, rimbors di prestits par 10,9 milions di euros e spesis in cont capitâl, al net dai invistiments di casse par 26 milions di euros.

Lis spesis corintis a son di 37,9 milions par spesis di personâl (ai 31 di Dicembar dal 2009 il Comun al veve 979 dipendents), di 1,6 milions par acuiscj di materiâl di consum, 44 milions par prestazions di servizis (chês principâls: 12 milions inte aree sociâl, 10 par spesis di funzionament, 5 milions di manutenzions pal patrimoni e pe gjestion dal vert public, 4 milions par viabilitât e iluminazion publiche, 4 milions par scuelis e asîi nît, 2,4 milions par ativitâts culturâls e museâls, 1,2 par gjestion cimiteriâl, 1 milion ae aree dai zovins, 670 mil par iniziativis promozionâls e circoscrizionâls); 2,6 milions par fits passîfs, 18 milions par trasferiments (contribûts), 6 milions di interès passîfs su mutuis e prestits, 3,7 milions par cjamis straordenariis de gjestion corinte.