Lunedì 4 ottobre Comune, Provincia e Tofina in Prefettura

Autostazione, firmato l’accordo
per garantire l’apertura fino al 15 giugno

Palazzo D’Aronco verserà un contributo di 150 mila euro
Honsell: “Grande risultato che si aggiunge all’elenco delle operazioni critiche
risolte con tempestività da questa amministrazione”

Firmato l’accordo che impegna la Tofina a mantenere l’autostazione di Udine aperta fino al prossimo 15 giugno. Lunedì 4 ottobre, in Prefettura, Comune, Provincia e Tofina hanno sottoscritto un accordo, stilato da palazzo D’Aronco, in cui l’attuale proprietario dell’autostazione, da tempo in contrasto con la Provincia di Udine per il rinnovo della convenzione scaduta lo scorso 20 luglio, si impegna a mantenere la struttura aperta e funzionante fino al prossimo 15 giugno, a fronte di un contributo una tantum di 150 mila euro che il Comune si impegna a versare da qui alla fine dell’accordo.

La Provincia, a sua volta, garantirà a palazzo D’Aronco, il versamento di un importo che sarà determinato un successivo provvedimento, con modi da concordare fra i due enti entro la fine dell’anno.

Tofina, sulla base di questo accordo, continuerà ad erogare il servizio alle condizioni attuali, ovvero 1,68 euro a corsa più Iva. L’accordo, sottoscritto, alla presenza del Prefetto, Ivo Salemme, fra il sindaco Furio Honsell, il vicepresidente della Provincia di Udine, Fabio Marchetti e il rappresentante legale della Tofina, Massimo Tombacco, si è chiuso dopo che Tofina si è impegnata a garantire il servizio fino allo scorso 1° ottobre e che il Comune ha fatto sapere alla società l’intenzione di acquisire, anche tramite soggetti terzi, un contributo una tantum per garantire la gestione dell’autostazione il più a lungo possibile, valutando, nel frattempo, la possibilità di un futuro acquisto. “Il Comune è riuscito in modo tempestivo e innovativo a rispondere a una situazione e di emergenza con un intervento straordinario che permette ora di avere il tempo necessario per valutare un futuro acquisto – sottolinea il sindaco Furio Honsell –. Ritengo un grande risultato questa operazione che va ad aggiungersi a quelle portate a termine da questa amministrazione, che ha fra i suoi obiettivi principali quello di non far mai mancare il proprio impegno e sostegno nei momenti di criticità che accompagnano le vicende della città nei più diversi settori e che, se non risolte con tempestività, rischiano di avere un grande impatto negativo su ampi strati della popolazione. In particolare per questo intervento – conclude il sindaco – è stato fondamentale il lavoro svolto dall’assessore alla Pianificazione Urbana, Mariagrazia Santoro, dal direttore generale, Carmine Cipriano e dal responsabile del Servio Appalti del Comune, Marco Padrini”.

Come si legge nell’accordo, infatti, il contributo “si fonda sulla necessità di evitare all’intera cittadinanza il disagio di non poter disporre di un idoneo spazio per lo svolgimento del servizio di autostazione” senza che vengano meno tre requisiti fondamentali: la vicinanza con al stazione dei treni, la centralità alla zona della città in cui si svolgono le “funzioni produttive, amministrative e giudiziarie”, la sicurezza e al certezza dei trasporti extraurbani. L’apertura dell’autostazione, inoltre, evita al Comune la necessità di reperire spazi urbani sottraendoli alla disponibilità di parcheggi a pagamento e di riorganizzare la mobilità, con conseguenti deviazioni della circolazione, segnaletica orizzontale e verticale da modificare e personale da mettere a disposizione per la regolazione del traffico.

Nei prossimi mesi, infine, partirà il percorso di valutazione dell’immobile dell’autostazione in vista del futuro acquisto da parte del Comune di Udine. Per arrivare a questa conclusione, l’amministrazione comunale ha chiesto a Tofina di acquisire i certificati di funzionalità dell’autostazione, in particolare il certificato di agibilità, di staticità e di prevenzione incendi. Sarà inoltre necessario che ai tecnici comunali sia data la possibilità di compiere un sopralluogo ai fini della valutazione dell’edificio.