I questionari possono essere compilati anche online

Ascoltoattivo, il Comune
amplia il progetto

Per il terzo anno consecutivo gli uffici comunali sono pronti
a ricevere giudizi e suggerimenti dei cittadini

Prosegue anche nel 2011 il monitoraggio della qualità degli sportelli comunali e il percorso di ascolto e partecipazione dei cittadini assume nuova e maggiore consistenza.Il progetto, avviato dall’amministrazione comunale nel 2009 per valutare la qualità erogata dagli sportelli al pubblico da quest’anno comprenderà anche tipologie di servizi diversi dal front-office. Settori diversi, come ad esempio mostre, corsi, servizi para-scolastici o più specificamente tecnici, saranno oggetto di attenzione da parte degli uffici comunali per verificare la qualità che il cittadino si attende venga garantita. Ma ad essere “testati”, saranno anche i servizi online come e-Part, che permette di segnalare via internet, direttamente agli uffici comunali, interventi stradali da effettuare.

“L’obiettivo – spiega l’assessore all’Innovazione ed e-governement, Paolo Coppola – è duplice: da una parte monitorare gli aspetti d’interesse del cittadino, dall’altra, in un ottica di confronto (benchmarking), individuare le aree di miglioramento e uniformare verso l’alto la qualità dei servizi. Come ho avuto modo di sottolineare in altre occasioni – continua –  lo scopo che ci poniamo è aumentare l’ascolto dei cittadini per migliorare la performance degli uffici e dei  servizi. Dalle risposte ai questionari, infatti, abbiamo finora tratto importanti spunti di miglioramento, anche nella valutazione delle scelte organizzative e di potenziamento di un servizio o di uno sportello rispetto a un altro”.

Il progetto, a due anni e mezzo dalla sua attivazione, è ormai consolidato in tutti gli sportelli al pubblico. E di pari passo, è cresciuto anche nei cittadini l’interesse alla partecipazione e la consapevolezza che, compilando i questionari, non si limitano a “dare voti”, ma collaborano fattivamente con l’amministrazione per garantire servizi migliori.

I questionari sono come sempre reperibili nei vari uffici comunali, ma si possono anche compilare via internet direttamente da casa collegandosi al sito di palazzo D’Aronco www.comune.udine.it. “L’uso dell’online – conclude Coppola – è a nostro avviso strategico perché, da un lato, assicura al cittadino di rapportarsi con il Comune di Udine nel luogo e nel momento che gli sono più comodi, dall’altro, ci permette di attuare la maggior trasparenza possibile  fornendo in tempo reale al cittadino anche i risultati dei questionari compilati”.