[:it]Honsell ha incontrato Maria Gravigi a "La Quiete"[:fu]Honsell al à incuintrât Maria Gravigi a "La Quiete"

Anche il sindaco festeggia
la pluricentenaria nonnina udineseAncje il sindic al fâs fieste
ae pluricentenarie nonute udinese

[:it]La donna più anziana della regione compie 110 anni il 3 marzo[:fu]La femine plui anziane de regjon e finìs 110 agns ai 3 di Març

gravigiIn occasione della festa di compleanno di Maria Gravigi, che proprio mercoledì 3 marzo, spegne a Udine ben 110 candeline, il sindaco del capoluogo friulano Furio Honsell gravigiIn ocasion de fieste pal complean di Maria Gravigi, che juste miercus ai 3 di Març, a Udin, e distude 110 cjandelutis, il sindic dal cjâf lûc furlan Furio Honsellnon ha voluto far mancare di persona i propri auguri. Prima di partire per Bologna, dove il primo cittadino era atteso per un impegno istituzionale legato al progetto “Città Sane”, Honsell ha fatto visita questa mattina alla donna più anziana della regione per portare i suoi saluti e quelli dell’amministrazione comunale.

Non potendo partecipare infatti alla festa organizzata all’ora di pranzo alla Quiete, dove la nonnina udinese risiede, e alla quale è stato delegato l’assessore Enrico Pizza in rappresentanza del Comune, il sindaco, vestito dalla fascia tricolore, ha incontrato Maria Gravigi insieme con le due figlie, Anna Maria e Maria Teresa, e la presidente della Quiete, Ines Domenicali. nol à volût mancjâ par fâ i siei auguris di persone. Prime di partî par Bologne, dulà che a spietavin il nestri prin citadin par un impegn istituzionâl peât al progjet “Città Sane”, cheste matine Honsell al è lât a cjatâ la femine plui anziane de regjon par puartâ i siei salûts e chei de aministrazion comunâl. No podint partecipâ ae fieste organizade par ore di gustâ a “La Quiete”, li che e sta la nonute udinese,  il sindic al à delegât l’assessôr Enrico Piazza a rapresentâ il Comun; Honsell, cu la fasse tricolôr, al à incuintrât Maria Gravigi insiemi cu lis dôs fiis, Anna Maria e Maria Teresa, e la presidente de “La Quiete”, Ines Domenicali.