La scuola di via Petrarca si è aggiudicata il concorso
nazionale per la promozione della raccolta differenziata

Alla scuola “Sorelle Agazzi”
il premio “Leonardo si Vince”

Cresce la raccolta di toner esausti: dall'avvio del progetto, nel 2001,
sono stati effettuati 254 ritiri per oltre 5 tonnellate di cartucce

Da quando è iniziata, nel giugno del 2001, la raccolta di cartucce esauste da sistemi di stampa informatica ha superato le 5 tonnellate. È questo il risultato del progetto “Leonardo si Vince”, l’iniziativa ideata dall’azienda Eco-Recuperi srl di Solarolo (Ra) per sensibilizzare bambini e ragazzi al tema della raccolta differenziata.

L’ultimo dato fornito dalla ditta Udinese Recuperi, incaricata della raccolta, evidenzia che al 30 settembre 2010 sono stati effettuati complessivamente 254 ritiri in 24 scuole della città per un totale di 5.079 chilogrammi di toner usato.

Proprio per l’attività di sensibilizzazione alle tematiche della raccolta differenziata la scuola dell’Infanzia “Sorelle Agazzi” si è aggiudicata una delle postazioni informatiche messe in palio per tutte le scuole del territorio nazionale dalla ditta Eco-Recuperi. Il progetto, realizzato nel corso dell’anno scolastico 2009-2010, ha coinvolto una trentina di bambini, che hanno realizzato due cartelloni illustrativi del percorso della raccolta differenziata e del riciclo. “Nove anni fa abbiamo inventato qualcosa di nuovo nell’ambito della raccolta differenziata – ha spiegato il responsabile d’area della Eco-Recuperi srl Pier Domenico Acutis –. Le azioni che stiamo facendo nel mondo della scuola hanno un valore aggiunto importante di sensibilizzazione delle nuove generazioni”.

L’ambito premio, composto da pc completo di stampante, è stato consegnato lunedì 25 ottobre a bambini e insegnanti alla presenza del sindaco Furio Honsell, dell’assessore alla Qualità della città Lorenzo Croattini e della direttrice scolastica del 1° Circolo di Udine Vilma Candolini. “Mi complimento con i bambini e con le insegnanti per l’iniziativa e per il risultato – ha commentato Honsell –. Le nostre scuole si confermano a livelli di eccellenza, come dimostra anche la scelta dell’amministrazione comunale di garantire la fornitura di derrate alimentari biologiche agli istituti scolastici”. All’incontro ha partecipato anche Fabio Nonino, presidente dell’associazione dei genitori dei piccoli alunni della “Sorelle Agazzi”, la “Bambini tutti a tavola – Gnam Gnam”, che in convenzione con il Comune conferisce i prodotti “bio” per i pasti dei bambini.

Anche al di fuori del mondo scolastico la raccolta di cartucce esauste ha raggiunto ormai dimensioni considerevoli. Basti pensare che tra il 2001 e il 2010 ne sono state ritirate quasi 325 tonnellate in tutta la provincia e oltre 121 tonnellate nel solo comune di Udine. Una cifra che non accenna a diminuire, se si pensa che le previsioni per il 2010 stimano una raccolta di oltre 95 tonnellate in regione e 41,5 tonnellate in provincia di Udine. Il servizio di ritiro viene svolto gratuitamente, con la richiesta di un piccolo contributo per gli utenti privati. “Invitiamo i cittadini – sottolinea l’assessore alla Qualità della città Lorenzo Croattini – a depositare i toner esausti presso le ecopiazzole comunali di via Stiria e via Rizzolo oppure negli appositi box verdi distribuiti in molti uffici pubblici e privati della città”.



Tags: ,