[:it]Martedì 30 alle 15 allo Zanon un convegno. Presente anche l'on. Luigi Berlinguer[:fu]Comun, I Circul e Universitât a àn presentât la iniziative "Laboratoris e esplorazion di fenomens sonôrs"

Alla scuola Pecile
si impara a ritmo di musicaAe scuele Pecile
si impare a ritmi di musiche

[:it]La scuola di via Manzoni sta sperimentando un progetto di eccellenza formativa
per affrontare i problemi legati alla multiculturalità e all’educazione scientifica[:fu]La scuele di vie Manzoni e je daûr a sperimentâ un progjet di ecelence formative par frontâ i problemis leâts ae multiculturalitât e ae educazion sientifiche

pecileAffrontare i problemi legati alla multiculturalità e all’educazione scientifica con un progetto di eccellenza dell’offerta formativa. Nasce con questo obiettivo “Laboratori ed esplorazione di fenomeni sonori”, un’iniziativa realizzata nella scuola dell’infanzia Pecile dal Comune, dal I circolo didattico e dall’università di Udine.

pecileFrontâ i problemis leâts ae multiculturalitât e ae educazion sientifiche cuntun progjet di ecelence de ufierte formative. Al è cun chest obietîf che al nas “Laboratoris e esplorazion di fenomens sonôrs”, une iniziative inviade dal Comun, dal I Circul Didatic e de Universitât di Udin inte scuele de infanzie Pecile. Il progetto, in corso di realizzazione nell’ambito di un protocollo d’intesa sottoscritto dai tre enti, è stato presentato il 25 marzo nei locali della scuola di via Manzoni. “L’idea di realizzare un progetto di sperimentazione e innovazione della didattica nasce da una precisa richiesta delle insegnanti della direzione didattica del I circolo – spiega il sindaco Furio Honsell –, che hanno chiesto l’aiuto del Comune per arricchire l’offerta formativa,  valorizzare l’attività didattica e invogliare le iscrizioni trasformando la multiculturalità in un valore”. La scuola Pecile, infatti, si caratterizza per una frequenza per l’80% di bambini di famiglie di origine straniera. “In questo contesto abbiamo deciso di coinvolgere anche l’università – prosegue il primo cittadino – all’interno di una collaborazione a tre con percorsi di ricerca sui processi di apprendimento e con attività innovative di tipo ludico, studiate per promuovere ragionamenti e costruire un sapere basato sull’operatività”.

I tre enti hanno elaborato un progetto di eccellenza capace di qualificare la formazione partendo da due elementi fondamentali del contesto scolastico: la multiculturalità e la formazione alla cultura scientifica. “Abbiamo definito una piattaforma di attività basate sulla lingua più bella e universale del mondo, la musica – spiega la direttrice del dipartimento di Fisica dell’ateneo friulano Marisa Michelini –, raccogliendo così anche una proposta formulata dal ministero sull’educazione pratica della musica, legando questa ad un percorso di esplorazione sul suono dal punto di vista fisico, basato sul personale coinvolgimento di chi apprende nel capire i processi, giocando con essi”. Le attività previste si distribuiscono su due filoni: la formazione degli insegnanti e degli operatori dei progetti educativi del Comune e l’attuazione di azioni basate sull’inquiring learning, una metodologia di apprendimento attraverso l’esplorazione di situazioni problematiche, di semplici esperienze. “Siamo riusciti a creare una sinergia straordinaria e assolutamente inedita – sottolinea la dirigente scolastica del I circolo didattico Vilma Candolini –. Voglio ringraziare il Comune e soprattutto il sindaco Honsell per la sensibilità e la disponibilità dimostrata, oltre naturalmente all’università per la collaborazione e l’impegno profuso”.

Gli interventi formativi, gestiti dall’ateneo friulano attraverso il Centro interdipartimentale di ricerca didattica e il dipartimento di Fisica, hanno incluso anche la consulenza nell’attività di sperimentazione didattica della scuola, la progettazione, realizzazione e utilizzo nelle attività formative e prestito alla scuola del materiale scientifico per lo svolgimento delle attività e l’analisi dei dati di monitoraggio degli apprendimenti. Dopo una fase iniziale di formazione le attività si sono spostate in aula coinvolgendo i bambini attraverso le maestre, ma non solo. “Abbiamo approfondito e stiamo approfondendo vari aspetti del suono, come ad esempio la sua origine e la sua capacità di propagarsi in tutte le direzioni e attraverso mezzi diversi – racconta Michelini –. Il percorso ci ha portato a condurre vari esperimenti utilizzando diversi dispositivi, come il telefono senza fili, oggetti comuni e strumenti musicali giocattolo”.

Il Comune, che ha finanziato l’acquisto delle attrezzature per gli esperimenti, ha collaborato nella progettazione di interventi scientifici sia dell’ufficio Progetti Educativi, già svolti finora, e sia a cura del Ludobus, da svolgersi prima della conclusione dell’anno scolastico. I Progetti Educativi hanno effettuato tre interventi sui temi del percorso di apprendimento in una cornice fiabesca. Il Ludobus, invece, ha in programma diverse attività di animazione ludica relative all’equilibrio e la gravità nei giochi dei giocolieri, dei trampolieri e degli acrobati del circo. La proposta operativa integra attività proposte dal Ludobus denominate “Circo della scienza”, avvalendosi di formazione e interventi di consulenza periodica realizzata dall’università stessa e da interventi didattici esterni da parte del Ludobus, mirati al supporto alla realizzazione di uno spettacolo circense/scientifico finale. Sono intervenute nel percorso proposte di educazione musicale ed in particolare al ritmo, a cura di Melisa Rossi dell’università e proposte di educazione motoria ed alla danza a cura del Gruppo Danza del Liceo Marinelli di Udine, coordinato da Anna Rossi.

Il progetto, che si concluderà entro l’anno scolastico in corso, si arricchirà prossimamente di un’importante occasione di approfondimento delle tematiche relative all’educazione e alla diversità. Martedì 30 marzo nell’auditorium Zanon, a partire dalle ore 15, è in programma un convegno che vedrà vestire i panni dei relatori proprio loro, i bambini della scuola dell’infanzia Pecile, impegnati a presentare i loro percorsi di apprendimento su suono e musica. Il programma dell’incontro prevede anche interventi di autorevoli esperti del mondo della formazione e della scuola, cui seguiranno le considerazioni conclusive dell’onorevole Luigi Berlinguer, presidente del Comitato nazionale per l’apprendimento pratico della musica e uno spettacolo di danza sul tema del tempo, a cura del Gruppo Danza del Liceo Marinelli. 

Il progjet, in vie di realizazion intal ambit di un protocol di intese sotscrit dai trê ents, al è stât presentât ai 25 di Març intai locâi de scuele di vie Manzoni. “La idee di fâ un progjet di sperimentazion e inovazion de didatiche e nas di une domande precise des insegnantis de direzion didatiche dal I circul – al sclarìs il sindic Furio Honsell –, che a àn domandât l’aiût dal Comun par inricjî la ufierte formative, par valorizâ la ativitât didatiche e par invoiâ lis iscrizions trasformant la multiculturalitât intun valôr”. Di fat, la scuele Pecile, e je frecuentade pal 80% di fruts di origjin foreste. “In chest contest o vin decidût di cjapâ dentri ancje la universitât – al va indevant il prin citadin – intune colaborazion a trê, cun percors di ricercje sui procès di aprendiment e cun ativitâts inovativis di caratar ludic, studiadis par promovi resonaments e costruî un savê fondât su la operativitât”.
I trê ents a àn elaborât un progjet di ecelence che al cualifiche la formazion partint di doi elements fondamentâi dal contest scolastic: la multiculturalitât e la formazion ae culture sientifiche. “O vin definît une plateforme di ativitâts basadis su la lenghe plui biele e universâl dal mont, la musiche – e sclarìs la diretore dal dipartiment di Fisiche dal ateneu furlan, Marisa Michelini –, racueìnt cussì ancje une propueste formulade dal Ministeri su la educazion pratiche de musiche, leant cheste a un percors di esplorazion sul sun dal pont di viste fisic, basât sul coinvolziment personâl di cui che al impare intal capî i procès, zuiant cun lôr”. Lis ativitâts previodudis si distribuissin su doi filons: la formazion dai insegnants e dai operadôrs dai progjets educatîfs dal Comun e la atuazion di azions basadis su la inquiring learning, une metodologjie di aprendiment che e passe pe esplorazion di situazions problematichis, di esperiencis semplicis. “O sin rivâts a creâ une sinergjie straordenarie e inedite in assolût – e sotlinee la dirigjente scolastiche dal I circul didatic Vilma Candolini –. O vuei ringraciâ il Comun e soredut il sindic Honsell pe sensibilitât e pe disponibilitât dimostrade e, al è naturâl, la universitât pe colaborazion e pal impegn che e à metût”.
I intervents formatîfs, gjestîts dal ateneu furlan traviers dal Centri Interdipartimentâl di Ricercje Didatiche e il Dipartiment di Fisiche, a àn cjapât dentri ancje la consulence inte ativitât di sperimentazion didatiche de scuele, la progjetazion, realizazion e l’ûs intes ativitâts formativis e il prestit ae scuele dal materiâl sientific par davuelzi lis ativitâts e pe analisi dai dâts di monitorament dai aprendiments. Dopo une fase iniziâl di formazion, lis ativitâts a son passadis in aule cjapant i fruts traviers des mestris, ma no dome. “O vin aprofondît e o sin daûr a aprofondî diviers aspiets dal sun tant che, par esempli, la sô origjin e la sô capacitât di propagâsi in dutis lis direzions e cun mieçs diviers – e conte la Michelini –. Il percors nus à puartât a condusi plui esperiments doprant diviers dispositîfs, tant che il telefon cence fîi, ogjets comuns e struments musicâi zuiatul”.
Il Comun, che al à finanziât l’acuist dai furniments pai esperiments, al à colaborât inte progjetazion di intervents sientifics sedi cul ufici Progjets Educatîfs, za fats fin cumò, e sedi par cure dal Ludobus, di fâ prime de conclusion dal an scolastic. L’ufici Progjets Educatîfs al à fat trê intervents sui temis dal percors di aprendiment intune curnîs di flabe. Il Ludobus, invezit, al à in program diviersis ativitâts di animazion ludiche sul ecuilibri e su la gravitât intai zûcs dai gaugars, dai trampolîrs e dai acrobats dal circ. La propueste operative e integre lis ativitâts proponudis dal Ludobus clamadis “Circ de sience”, avalintsi di formazion e intervents di consulence periodiche fate de universitât e di intervents didatics esternis di bande dal Ludobus, pal supuart ae realizazion di un spetacul finâl cun zûcs di circ a caratar sientific. A son intervignudis intal percors propuestis di educazion musicâl, in particolâr di educazion al ritmi, par cure di Melisa Rossi de universitât e propuestis di educazion motorie e ae danze par cure dal Gruppo Danza dal Liceu Marinelli di Udin, coordenât di Anna Rossi.
Il progjet, che si concludarà dentri dal an scolastic in cors, si inricjirà in curt di une ocasion impuartante di aprofondiment des tematichis che a rivuardin la educazion e la diversitât. Martars ai 30 di Març, intal auditorium Zanon, tacant des 15.00, e je in program une cunvigne che e viodarà tant che relatôrs propit lôr, i fruts de scuele de infanzie Pecile, impegnâts a presentâ i lôr percors di aprendiment su sun e musiche. Il program dal incuintri al previôt ancje intervents di esperts autorevui dal mont de formazion e de scuele, lis considerazions conclusivis dal onorevul Luigi Berlinguer, president dal Comitât nazionâl pal aprendiment pratic de musiche e un spetacul di danze sul teme dal timp, par cure dal Gruppo Danza dal Liceu Marinelli.