Da lunedì 4 febbraio aperte le iscrizioni alla sezione Ragazzi della Joppi

Al via un corso per diventare
lettore volontario

Lo scopo è formare nuovi lettori disposti a realizzare per i bambini
le “ore delle storie” presso biblioteche, nidi, scuole o presidi sanitari

Sempre più persone decidono di impegnarsi volontariamente nella lettura di testi per bambini. Ed è proprio per venire incontro alle tante richieste ricevute che la sezione Ragazzi della biblioteca civica “V. Joppi” ha deciso di organizzare un corso di formazione per lettori volontaricon lo scopo di formare nuovi lettori disposti a realizzare per i bambini le “ore delle storie” presso biblioteche, nidi, scuole, presidi sanitari o in altri luoghi ancora.

Le iscrizioni si apriranno lunedì 4 febbraio direttamente presso la sezione Ragazzi (ingresso provvisorio da piazza Marconi, 8 ) o telefonando al numero 0432 271585 o, ancora, inviando una e-mail all’indirizzo bcur@comune.udine.it.

La partecipazione al corso è gratuita, ma è necessaria la disponibilità a garantire un minimo di ore/lettura ai bambini nell’ambito delle attività programmate dalla biblioteca e dal Club Tileggounastoria.

Il corso, che tratterà le motivazioni del lettore volontario, la scelta dei libri e delle storie e le strategie di lettura, avrà un carattere prevalentemente pratico e si articolerà in sei ore complessive di lezione.  Gièà in calendario il primo incontro che si terrà sabato 9 dalle 9 alle 12 presso la biblioteca della 2^ circoscrizione in via Martignacco 146.

Le lezioni saranno tenute dalla bibliotecaria Marzia Plaino e dall’animatrice Daniela Bianchi. Per diventare lettore volontario non sono richieste doti attoriali, ma è opportuna la propensione a mettersi in gioco e soprattutto a voler comunicare ai più piccoli e ai loro genitori la passione per i libri e la lettura. La sezione Ragazzi coordina da tempo i lettori volontari del Club Tileggounastoria che è attivo nelle biblioteche di circoscrizione, nelle scuole dell’infanzia, nei doposcuola e collabora a progetti sperimentali come ad esempio i laboratori tattili.