Convenzione fra i due enti

Al via “Home care”, nuovo servizio
del Comune per i pensionati Inpdap

Assistenza domiciliare, accoglienza in un centro diurno specializzato
e fino a 30 giorni l’anno in strutture residenziali cittadine gratuiti per i non autosufficienti

Aumentare la platea di destinatari del servizio domiciliare tradizionale.  Nasce da questi presupposti “Home Care”, il progetto messo a punto dal Comune di Udine e selezionato dall’Inpdap (l’Istituto nazionale di previdenza dei dipendenti dell’amministrazione pubblica) a favore dei propri iscritti pensionati, nell’ambito  regionale delle politiche di welfare.

Obiettivo del nuovo servizio è quello di offrire a un bacino ampio di utenza di pensionati Inpdap non autosufficienti, con particolari situazioni di fragilità,  interventi di domiciliarità assistita.

Questo al fine di favorire la residenzialità degli stessi sul territorio locale, facilitare la permanenza nel proprio domicilio e garantire così il soddisfacimento dei bisogni primari. Gli interventi saranno differenziati a seconda delle diverse situazioni personali e familiari e delle necessità assistenziali di ciascuno.

“Si tratta del primo anno in cui vengono avviate  tali tipologie di progetti finanziati dall’istituto e rivolti ai pensionati non autosufficienti – spiega il direttore regionale del Friuli Venezia Giulia, Mara Nobile – a cui faranno seguito ulteriori iniziative di welfare sul territorio. Cerchiamo in tal modo – aggiunge – di distribuire sul territorio, in base a reali esigenze, le risorse finanziarie e di  pianificare lo sviluppo di nuove iniziative sociali attivando sinergie con altri Enti Pubblici”.

“Da parte nostra – chiarisce l’assessore comunale alla Salute ed Equità sociale, Antonio Corrias – abbiamo partecipato alla selezione di progetti promossa dall’Inpdap per poter pervenire a un ampliamento della platea di destinatari del servizio domiciliare tradizionale. Destinatari dell’iniziativa – sottolinea ancora l’assessore – sono pensionati che tradizionalmente  non gravitano nell’orbita dei servizi sociali territoriali, visto che comunque sono percettori di reddito, seppur non elevato, ma che per la loro particolare situazione di fragilità necessitano ugualmente di tutela da parte dell’ente pubblico”.

Il progetto, sperimentale ed innovativo di supporto alla domiciliarità così come richiesto dall’Inpdap, s’inserisce nell’ambito degli interventi previsti dalla legge regionale n. 6 del 2006 volti a favorire la vita autonoma e la permanenza a domicilio delle persone anziane.

Per l’anno in corso sono previste una serie di iniziative di assistenza domiciliare articolate in pacchetti di risposta a specifici bisogni individuali (supporto assistenziale diurno, supporto domestico diurno, supporto sanitario, sorveglianza notturna) con accessi a domicilio della durata minima di 2 ore e massima di 10 ore giornaliere, tutti i giorni dell’anno, fino ad un massimo di 60 ore. Ma anche accoglienza in centro diurno qualificato per persone non autosufficienti, dal lunedì al venerdì (mezza giornata o giornata intera), nelle giornate scelte dalla famiglia, secondo l’orario di apertura della struttura prescelta. Verrà assicurato anche il servizio di trasporto in andata e ritorno, se previsto dal centro.

Inoltre è prevista un’accoglienza di sollievo per massimo 30 giorni in struttura residenziale polifunzionale o residenza protetta, per sollevare soprattutto nell’imminente periodo estivo, i familiari dal lavoro di cura della persona non autosufficiente e consentire loro un periodo di riposo.

L’accesso ai servizi è gratuito per i pensionati Inpdap residenti sul territorio del Comune di Udine che non usufruiscano di altre prestazioni assistenziali pubbliche e che dovranno presentare apposita istanza al Comune. I benefici verranno erogati nei limiti delle risorse disponibili per il progetto e verranno finanziati in ordine cronologico di arrivo delle domande.

Per maggiori informazioni sulle modalità di realizzazione del progetto e sui requisiti per accedervi, è possibile telefonare allo 0432/271893 (dal lunedì al venerdì dalle ore 8.45 alle ore 12.15).