Stasera, 20 giugno, alle 21 in corte Morpurgo (in caso di maltempo sala Ajace)

A UdinEstate la poesia di Cappello
in dialogo con Reitani

Il grande poeta friulano, vincitore del Premio Viareggio-Rèpaci 2010,
presenta al pubblico la sua straordinaria produzione in un dialogo
con l’assessore comunale alla Cultura, Luigi Reitani

Un dialogo a 360 gradi sulla produzione letteraria di uno dei più grandi poeti italiani contemporanei. È quello che andrà in scena stasera, 20 giugno, alle 21 nella suggestiva cornice di corte Morpurgo (via Savorgnana 12) a Udine (in caso di maltempo in sala Ajace), tra Pierluigi Cappello e l’assessore comunale alla Cultura, Luigi Reitani.Il poeta friulano, vincitore del Premio Viareggio-Rèpaci 2010 con “Mandate a dire all’imperatore”, presenterà infatti a UdinEstate la sua grande produzione poetica. In un imperdibile dialogo a due ma, allo stesso tempo, con il pubblico, Cappello leggerà alcune tra le sue più intense poesie facendo emergere il profilo di un poeta capace con i suoi versi di descrive “un mondo – si legge nelle motivazioni del Premio Viareggio – che va cantato, nella sua prepotente e sensitiva natura, nell’eco delle voci e nell’ombra dei volti e nella traversia delle cose che contano, con trasporto amoroso e con tenace patire”.

Cappello, nato a Gemona nel 1967 ha compiuto gli studi a Udine e a Trieste. Vive a Tricesimo dove svolge un’intensa attività culturale. Nel marzo scorso il Consiglio comunale di Udine ha approvato all’unanimità una mozione della Commissione cultura che impegna il sindaco Honsell e l’assessore Reitani a sollecitare il presidente del consiglio dei ministri Mario Monti a garantire a Cappello, che attualmente vive in una situazione di indigenza, i benefici della legge Bacchelli, che prevede l’assegnazione di un vitalizio straordinario a favore di quei cittadini “che abbiano illustrato la Patria con i meriti acquisiti nel campo delle lettere, delle arti, […] e che versino in stato di particolare necessità”.

Grande la sua produzione poetica e la sua attività letteraria. Ha diretto la collana di poesia “La barca di Babele”, edita a Meduno e fondata da un gruppo di poeti friulani nel 1999. Ha pubblicato i seguenti libri: “Le nebbie” (1994), “La misura dell’erba” (1998), “Amôrs” (1999), “Dentro Gerico” (2002). Con “Dittico” (Liboà, Dogliani 2004) ha vinto il premio Montale Europa di poesia. Assetto di volo (Crocetti, Milano 2006) è stato vincitore dei premi Pisa (2006) e Bagutta Opera Prima (2007). Nel 2008 ha pubblicato la sua prima raccolta di prose e interventi intitolata “Il dio del mare” (Lineadaria, Biella 2008). Nel maggio 2010 pubblica “Mandate a dire all’imperatore” (Crocetti, Milano 2010), col quale vince il premio Viareggio-Rèpaci. L’ultima sua fatica è “Rondeau”. Venti variazioni d’autore (Forum 2011): in questo volume Pierluigi Cappello raccoglie le traduzioni d’autore, frutto di un lavoro decennale, di alcune liriche selezionate: dai sonetti di William Shakespeare sino a Carlos Montemayor passando per Arthur Rimbaud, Vicente Aleixandre, Patrick Kavanagh e Giorgio Caproni.

Come ricordato, l’incontro si terrà oggi, 20 luglio, in corte Morpurgo, con ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. In caso di maltempo verrà spostato in sala Ajace con ingresso dalla Loggia del Lionello in piazza Libertà.