Mercoledì 1° agosto alle 21
in corte Morpurgo

A UdinEstate
“È ora” di Martines

Il vicesindaco, poeta, drammaturago e scrittore,
protagonista di un reading pubblico delle sue poesie

“Bisogna dare più attenzione ai versi. Per questo, io regalo sempre poesie”, confessava tempo fa in un’intervista. Ma Vincenzo Martines, vicesindaco e assessore alle Attività economiche e turistiche del Comune di Udine, le poesie non le regala e basta. Le scrive, e da molti anni.Versi, e testi per il teatro, messi nero su bianco all’inizio sotto lo pseudonimo di Panko e, talvolta, letti al chiuso di serate tra amici ed estimatori. Fino al momento in cui “è arrivata l’ora” di coinvolgere il grande pubblico di UdinEstate.

Vincenzo Martines sarà infatti protagonista, mercoledì 1° agosto alle 21 in corte Morpugo (sala Ajace in caso di maltempo) di “È ora”, reading poetico in cui lo stesso autore leggerà alcune delle sue ultime poesie. A introdurre il vicesindaco e ad accompagnarlo in questo recital sarà l’assessore alla Cultura, Luigi Reitani. Alle loro spalle un grande schermo bianco su cui verranno proiettate man mano le poesie, la cui lettura sarà affidata alla voce dello stesso Martines.

“All’inizio – spiega il vicesindaco –, leggerò alcune poesie scritte nel giro di questi ultimi mesi. E poi sarà la volta di È ora, che è la ricostruzione della memoria di bambino e di ragazzo nelle ferie dei miei genitori di molti anni fa in Sicilia, dove passavo spesso le estati, visto che i miei sono siciliani. Recuperando la descrizione degli odori e dei sapori da bambino, una dinamica che tutti noi ripercorriamo a una certa età, lancio un po’ dei messaggi su cosa vuol dire per me stare al mondo oggi”.

Per lo scrittore-politico, la poesia e la scrittura non sono comunque passioni coltivate da poco tempo. Correva l’anno 1995, infatti, quando Martines pubblicava per Campanotto “Poema libertino”, mentre nel 2005 usciva  per Nota edizioni “Siamo esili”, una selezione di sue poesie accompagnate da musica. Per non parlare dell’esperienza come autore teatrale per “Il paradiso perduto”, una riscrittura in chiave contemporanea del capolavoro omonimo di John Milton e affidata all’interpretazione di Rita Maffei nel 2007, fino all’ultima avventura come co-autore della produzione Css “Lady Europe” al Mittelfest di Cividale quest’anno. Senza contare le serate di lettura passate con gli amici ai tempi delle superiori e dell’università.

“Concepisco la poesia – racconta – come qualcosa che deve essere detta, portata al pubblico. Per questo appuntamento, ho accolto una sollecitazione di Luigi Reitani, che avendo letto il poemetto, mi ha invitato a presentarlo nella programmazione di Udinestate. All’inizio ero un po’ titubante – confessa –, ma poi, visto il piacere che mi dà leggere in pubblico, ho pensato che potesse essere un dono, un modo simpatico di condividere una mia passione in una cornice importante come quella dell’estate udinese”.

La partecipazione alla serata è a ingresso libero fino ad esaurimento dei posti disponibili. Per informazioni è possibile contattare il PuntoInforma del Comune di Udine in via Savognana 12 telefonando allo 0432 414717 o inviando una email all’indirizzo puntoinforma@comune.udine.it